La storia di Roberta M.

Andrea è nato alla 35ª settimana di gestazione con il peso di un bimbo a termine(3,680kg). Abbiamo trascorso una settimana in ospedale prima di tornare a casa per vari controlli in quanto io sono diabetica,ma siamo usciti dall’ospedale con un peso di 3,720kg. In ospedale le infermiere mi dicevano che piangeva sempre ed ora che ci ripenso,ogni tre ore quando andavo da lui,lo trovavo sempre con tutine diverse perchè mi dicevano che rigurgitava spesso. Tornati a casa è iniziata la salita. Il primo mese Andrea è cresciuto 450g,voleva sempre stare al seno ma quando lo attaccavo dopo pochi minuti piangeva e si staccava,dormiva solo in braccio a me,mai sdraiato nella culla o nel passeggino,piangeva come un disperato.A neanche due mesi ho abbandonato la navicella e l’ho messo nell'ovetto per tenerlo più verticale,solo li sembrava stasse un po' meglio. Era diventata una tortura,sempre con me,sempre in braccio a me e tutti mi dicevano che stavo facendo del male a mio figlio perchè non cresceva, il mio latte non era buono,non era abbastanza nutriente. Tornavo a casa ogni volta piangendo perché mi sentivo una cattiva madre. Non so cosa mi spingeva a proseguire con l’allattamento esclusivo al seno, ma io continuavo,non ho mai voluto dare l’aggiunta anche perché mio figlio rifiutava il biberon. Sono passati ormai due mesi quando ho incontrato il pediatra che ci ha indicato la strada giusta (per il pediatra generico il reflusso non esiste). Il Dott. Buono mi ha parlato del reflusso e di quali accorgimenti avrei dovuto prendere per far stare meglio mio figlio. Fino a 3 mesi e 3 settimane ho continuato a dare sempre e solo il mio latte,poi dopo le poppate gli davo il noremifa per cercare di evitare le risalite e al mattino il ranidil. Le cose in realtà non erano migliorate molto,passavamo i pomeriggi a piangere,lui ed io. Poi finalmente le pappe e la situazione è andata un po' meglio,la crescita migliorava e anche la qualità della giornata.Nonostante i vari tentativi con latte ar mio figlio si rifiutava di prendere il biberon e fino al 6º mese ho continuato allattamento esclusivo al seno unitamente alle pappe. Ed anche qui le persone attorno a me hanno avuto da ridire perché lo avevo svezzato presto,perché non avevo insistito con il latte in polvere,perché davo e do medicinali. Ah ,dimenticavo,Andrea non ama stare in auto,piange e vomita(ho scoperto essere causa del reflusso),facciamo tratti brevi (max 5min). Ora Andrea ha quasi 11 mesi,ne abbiamo passate tante,ancora oggi combattiamo con il reflusso tra alti e bassi,modificando la terapia e l’alimentazione a seconda delle esigenze. Confidiamo che tutto questo possa essere solo un mio ricordo,è davvero difficile crescere un bimbo,ancor di più se qualcosa non va. Mamme forza,ce la possiamo fare!

Roberta M.
Chiudi il menu
×
×

Carrello

Su Ainer.it utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile, per fornirti offerte e servizi personalizzati e per compilare statistiche sui visitatori al fine di migliorare la tua navigazione sul sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie, utilizzo in conformità alla nostra Privacy e Cookie Policy. Il consenso può essere revocato in qualsiasi momento